Iniziative

CENA DE LA NANA 2018 – Sabato 27 Ottobre

Tutte le informazioni ed i numeri per la prenotazione qui sotto!

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

Il 2018 è l’anno del 70° anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani. L’Associazione Don Chisciotte ha deciso di celebrare questo fondamentale documento riportando l’articolo 1 nell’annuale tessera di adesione. Distribuendo questo opuscolo desideriamo ricordare l’importanza di una tale dichiarazione e ribadire con forza l’indiscutibile uguaglianza in diritti e dignità di tutti i popoli che compongono la razza Umana.

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

(Approvata dall’assemblea delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948)

Il 10 dicembre 1948, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato e proclamato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è riportato di seguito. Dopo questa solenne deliberazione, l’Assemblea delle Nazioni Unite diede istruzioni al Segretario Generale di provvedere a diffondere ampiamente questa Dichiarazione e, a tal fine, di pubblicarne e distribuirne il testo non soltanto nelle cinque lingue ufficiali dell’Organizzazione internazionale, ma anche in quante altre lingue fosse possibile usando ogni mezzo a sua disposizione.

Preambolo

Considerando che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti eguali e inalienabili costituisce il fondamento della libertà, della pace e della giustizia nel mondo;

Considerando che il non riconoscimento e il disprezzo dei diritti dell’uomo hanno condotto ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità e che l’avvento di un mondo in cui gli esseri umani saranno liberi di parlare e di credere, liberati dal terrore e dalla miseria, è stato proclamato come l’aspirazione più alta dell’uomo;

Considerando che i diritti dell’uomo siano protetti da un regime di diritto per cui l’uomo non sia mai costretto, in supremo ricorso, alla rivolta contro la tirannia e l’oppressione;

Considerando che è indispensabile promuovere lo sviluppo di rapporti amichevoli tra le Nazioni;

Considerando che nella Carta dei popoli le Nazioni Unite hanno proclamato di nuovo la loro fede nei diritti fondamentali dell’uomo, nella dignità e nel valore della persona umana, nell’uguaglianza dei diritti degli uomini e delle donne, e che si sono dichiarati decisi a favorire il progresso sociale e a instaurare le migliori condizioni di vita nella libertà più grande;

Considerando che gli Stati-Membri si sono impegnati ad assicurare, in cooperazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite, il rispetto universale ed effettivo dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali;

Considerando che una concezione comune di questi diritti di libertà è della massima importanza per assolvere pienamente a tale impegno;

L’Assemblea generale proclama la presente Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo come l’ideale comune da raggiungere da tutti i popoli e da tutte le nazioni affinché tutti gli individui e tutti gli organi della società, tenendo sempre presente allo spirito tale dichiarazione, si sforzino, attraverso l’insegnamento e l’educazione, di sviluppare il rispetto di tali diritti e libertà e di assicurarne, attraverso misure progressive di ordine nazionale e internazionale, il riconoscimento e la applicazione universale ed effettiva, sia fra le popolazioni degli Stati-Membri stessi, sia fra quelle dei territori riposti sotto la loro giurisdizione.

Articolo 1

Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. Sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire in uno spirito di fraternità vicendevole.

Articolo 2

Ognuno può valersi di tutti i diritti e di tutte le libertà proclamate nella presente dichiarazione, senza alcuna distinzione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, d’opinione politica e di qualsiasi altra opinione, d’origine nazionale o sociale, che derivi da fortuna, nascita o da qualsiasi altra situazione. Inoltre non si farà alcuna distinzione basata sullo statuto politico, amministrativo o internazionale del paese o del territorio a cui una persona appartiene, sia detto territorio indipendente, sotto tutela o non autonomo, o subisca qualunque altra limitazione di sovranità.

Articolo 3

Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della sua persona.

Articolo 4

Nessuno potrà essere tenuto in schiavitù né in servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi sono proibiti in tutte le loro forme.

Articolo 5

Nessuno sarà sottoposto a tortura né a pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti.

Articolo 6

Ognuno ha diritto al riconoscimento della propria personalità giuridica, in ogni luogo.

Articolo 7

Tutti sono uguali di fronte alla legge ed hanno diritto – senza distinzione – ad un’eguale protezione contro qualsiasi provocazione ad una simile discriminazione.

Articolo 8

Ogni persona ha diritto ad un ricorso effettivo davanti alle competenti giurisdizioni nazionali contro atti che violano i diritti fondamentali riconosciutile dalla Costituzione o dalla legge.

Articolo 9

Nessuno può arbitrariamente essere arrestato, detenuto né esiliato.

Articolo 10

Ogni persona ha diritto – in piena eguaglianza – a che la sua causa sia ascoltata equamente e pubblicamente da un tribunale indipendente e imparziale, che deciderà sia dei suoi diritti e dei suoi obblighi, sia del fondamento di qualunque accusa in materia penale, rivolta contro di essa.

Articolo 11

  • Ogni persona accusata di un reato è presunta innocente fino a che la sua colpevolezza sia stata legalmente stabilita nel corso di un processo pubblico, in cui tutte le garanzie necessarie alla sua difesa le siano state assicurate;
  • Nessuno verrà condannato per azioni o omissioni, che al momento in cui sono state commesse non costituiscono reato in base al diritto nazionale o internazionale. Parimenti non sarà inflitta alcuna pena più forte di quella che era praticata al momento in cui il reato è stato commesso.

Articolo 12

Nessuno sarà oggetto di ingerenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza, né di lesioni al suo onore ed alla sua reputazione. Ogni persona ha diritto alla protezione della legge contro simili ingerenze e lesioni.

Articolo 13

  • Ogni persona ha diritto di circolare liberamente e di scegliere la propria residenza entro i confini di uno Stato;
  • Ogni persona ha diritto di abbandonare qualsiasi paese, compreso il proprio, e di rientrare nel proprio paese.

Articolo 14

  • Di fronte alla persecuzione ogni persona ha diritto di cercare asilo e di beneficiare dell’esilio in altri paesi;
  • Tale diritto non si può invocare in caso di persecuzione realmente fondata su un reato di diritto comune o su azioni contrarie ai principii e agli scopi delle Nazioni Unite.

Articolo 15

  • Ogni individuo ha diritto ad una nazionalità;
  • Nessuno può arbitrariamente venir privato né della propria nazionalità né del diritto di cambiare nazionalità.

Articolo 16

  • Raggiunta l’età nubile, l’uomo e la donna, senza restrizione di sorta per ciò che riguarda la razza, la nazionalità o la religione, hanno diritto di sposarsi e di fondare una famiglia. Hanno pari diritti riguardo al matrimonio, durante il matrimonio e al momento del suo scioglimento;
  • Il matrimonio non si può concludere che con il pieno e libero consenso dei futuri sposi;
  • La famiglia è l’elemento naturale e fondamentale della società e ha diritto alla protezione della società e dello Stato.

Articolo 17

  • Ogni persona, tanto sola quanto in collettività, ha diritto alla proprietà;
  • Nessuno può arbitrariamente esser privato della sua proprietà.

Articolo 18

Ogni persona ha diritto alla libertà di cambiare religione, come pure di manifestare la propria religione o convinzione sola o in comune, in pubblico o in privato, con l’insegnamento, le pratiche, il culto e la celebrazione dei riti.

Articolo 19

Ogni individuo ha diritto alla libertà d’opinione e d’espressione, il che implica il diritto di non venir disturbato a causa delle proprie opinioni e quello di cercare, ricevere e diffondere con qualunque mezzo di espressione, senza considerazione di frontiere, le informazioni e le idee.

Articolo 20

  • Ogni persona ha il diritto alla libertà di riunione e di associazione pacifica;
  • Nessuno può essere costretto a far parte di una associazione.

Articolo 21

  • Ogni persona ha diritto di partecipare alla direzione degli affari pubblici del suo paese, sia direttamente, sia attraverso rappresentanti liberamente eletti;
  • Ogni persona ha diritto ad accedere, in condizioni di uguaglianza, alle cariche pubbliche del proprio paese;
  • La volontà del popolo è il fondamento dell’autorità dei poteri pubblici; questa volontà dev’essere espressa con elezioni serie, che devono aver luogo periodicamente, a suffragio universale uguale e con voto segreto o seguendo una procedura equivalente, che garantisca la libertà del voto.

Articolo 22

Ogni persona, in quanto membro della società, ha diritto alla sicurezza sociale; ha la facoltà di ottenere soddisfazioni dei diritti economici, sociali e culturali indispensabili alla sua dignità e al libero sviluppo della sua personalità, grazie allo sforzo nazionale ed alla cooperazione internazionale, tenuto conto dell’organizzazione e delle risorse dei singoli paesi.

Articolo 23

  • Ogni persona ha diritto al lavoro, alla libera scelta del suo lavoro, a condizioni eque e soddisfacenti di lavoro e alla protezione contro la disoccupazione;
  • Tutti hanno diritto, senza discriminazione, ad un salario uguale per lavoro uguale;
  • Chi lavora ha diritto ad una remunerazione equa e soddisfacente, che assicuri a lui ed alla sua famiglia un’esistenza conforme alla dignità umana e integrata, se opportuno, da ogni altro mezzo di protezione sociale;
  • Ogni persona ha diritto di fondare con altri dei sindacati e affiliarsi a dei sindacati per la difesa dei suoi interessi.

Articolo 24

Ogni persona ha diritto al riposo e allo svago, in particolare ad una ragionevole limitazione della durata del lavoro ed a vacanze periodiche pagate.

Articolo 25

  • Ogni persona ha diritto ad un livello di vita sufficiente ad assicurare la salute e il benessere suo e della sua famiglia, specialmente per quanto concerne l’alimentazione, l’abbigliamento, l’alloggio, le cure mediche e i servizi sociali necessari; ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, di malattia, d’invalidità, di vedovanza, o negli altri casi di perdita dei propri mezzi di sussistenza in seguito a circostanze indipendenti dalla sua volontà;
  • La maternità e l’infanzia hanno diritto ad un aiuto e ad un’assistenza speciali. Tutti i bambini, nati sia nel matrimonio sia fuori del matrimonio, godono della medesima protezione sociale.

Articolo 26

  • Ogni persona ha diritto alla educazione. Essa dev’essere gratuita, almeno per quanto riguarda l’insegnamento elementare e fondamentale. L’insegnamento elementare è obbligatorio. L’insegnamento tecnico e professionale deve essere diffuso. L’accesso agli studi superiori deve essere aperto a tutti, in piena uguaglianza, in base ai meriti;
  • L’educazione deve mirare al pieno sviluppo della personalità umana e al rafforzamento del rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Essa deve favorire la comprensione, la tolleranza e l’amicizia tra tutte le Nazioni e tutti i gruppi razziali o religiosi, come pure lo sviluppo delle attività delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace;
  • I genitori hanno in primo luogo il diritto di scegliere il genere di educazione da impartire ai loro figli.

Articolo 27

  • Ogni persona ha il diritto di partecipare liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico e ai benefici che ne risultano;
  • Ognuno ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria o artistica di cui è autore.

Articolo 28

Ogni persona ha diritto a che, sul piano sociale e su quello internazionale, regni un ordine tale che i diritti e le libertà enunciate nella presente Dichiarazione possano trovarvi pieno sviluppo.

Articolo 29

  • L’individuo ha dei doveri nei confronti della comunità, nella quale è possibile il libero e pieno sviluppo della sua personalità;
  • Nell’esercizio dei suoi diritti e nel godimento delle sue libertà ognuno è soggetto unicamente alle limitazioni stabilite dalla legge, esclusivamente allo scopo di assicurare il riconoscimento ed il rispetto dei diritti e delle libertà altrui e di soddisfare alle giuste esigenze della morale, dell’ordine pubblico e del benessere generale in una società democratica;
  • Tali diritti e libertà non potranno in alcun caso esercitarsi in opposizione agli scopi e ai principi delle Nazioni Unite.

Articolo 30

Nessuna disposizione della presente Dichiarazione può essere interpretata come implicante, per uno Stato, un gruppo o un individuo, un qualsiasi diritto di dedicarsi ad una attività o di compiere un’azione mirante alla distruzione dei diritti e delle libertà qui enunciate.

SINALUGLIO – Giovedì 19 e Giovedì 26 Luglio al Centro Commerciale Naturale LA PIEVE

Giovedì 19 – AperiPieve Aperitivo in Strada e Musica

Giovedì 26 – PasSteggiando Cena Itinerante

Presentazione Nuovo Dizionario di Chianino DI QUA DAL FOSSO – Foto

Ecco alcune delle foto scattate Sabato 16 Giugno 2018 durante la presentazione del Nuovo Dizionario di Chianino DI QUA DAL FOSSO.

Grazie all’Associazione Culturale Ottagono di Torrita, ai redattori del Dizionario, all’editore, agli ospiti e a tutti gli intervenuti per la bella e divertente serata.

0001 0001a 001 002 003 004 005 006 007 008 009 z

Comunicato Stampa – Presentazione Dizionario di Chianino DI QUA DAL FOSSO

L’Associazione Don Chisciotte da più di sette anni svolge le sue attività nella sede dedicata all’amico Simone Angiolini, prematuramente scomparso nel 2008. In memoria dell’amico i soci nel 2011 decisero di inaugurare la sede che porta il suo nome con la presentazione del libro Piccolo Dizionario di Chianino ‘Di Qua Dal Fosso’, scritto dall’Associazione Culturale l’Ottagono a cui Simone aveva lavorato e dato un importante contributo, e la cui seconda edizione è stata pubblicata quest’anno dalla Fondazione Torrita Cultura.

Il Piccolo Dizionario di Chianino aveva già riscosso un grande successo in tutta la zona della Valdichiana e non solo, raccogliendo al suo interno i vocaboli e i modi di dire dell’area chianina che si estende nella provincia di Siena, quindi ‘di qua’ dal canale Maestro della Chiana e che comprende i dialetti di Sinalunga, Torrita, Montepulciano, Acquaviva, Montallese, Chiusi e Chianciano.

Dopo lavori e aggiornamenti, l’Associazione Ottagono, ha dato alle stampe una nuova edizione dell’ormai famoso dizionario, il Nuovo Dizionario di Chianino, DI QUA DAL FOSSO, che l’Associazione Don Chisciotte nuovamente, a più di sette anni di distanza, è felicissima di far conoscere e presentare nella versione aggiornata e ‘ricutinata’, Sabato 16 Giugno, alle ore 18.00, presso la Sede Simone Angiolini a Sinalunga in Via Salerno 10.

Alla presentazione del libro saranno presenti i redattori Silvia Cassioli, Giancarlo Cherubini, Mariano Fresta, Gianpiero Giglioni, Arnaldo Goracci, Mariangela Leotta, Norberto Oldrini e interverrà Simona Giovagnola, presidente Fondazione Torrita Cultura. L’Associazione Don Chisciotte allarga l’invito a chiunque voglia intervenire con suggerimenti e domande. A conclusione della serata verrà offerto un rinfresco ‘alla bona’ per tutti i partecipanti.

Nuovo Dizionario di Chianino DI QUA DAL FOSSO – 16 Giugno 2018

M’Illumino di Meno 2018 – Buffet a Lume di Candela

Candele e aperitivo pronti, si parte!

Candele e aperitivo pronti, si parte!

Pizzette, crostini, torte salate, tramezzini, cous cous e pappa col pomodoro ... cuochi d'eccezione!

Pizzette, crostini, torte salate, tramezzini, cous cous e pappa col pomodoro … cuochi d’eccezione!

photo_2018-02-24_12-08-52

Sancho, star a lume di candela

Lampredotto che passione!

Lampredotto che passione!

Polpettine al sugo e cinghiale in umido ... perché il nostro buffet è diverso ...

Polpettine al sugo, frittata con patate e cinghiale in umido … perché il nostro buffet è differente …

Dolci rigorosamente casalinghi! Torta yogurt con frutta secca, crostata alle prugne, torta di mele e cannella e mousse alla nutella ... per camminare fino alla Luna servono energie!

Dolci rigorosamente casalinghi! Torta yogurt con frutta secca, crostata alle prugne, torta con mele e cannella e mousse alla nutella … per camminare fino alla Luna servono energie!

Come sempre grazie a tutti per la splendida serata ... ci vediamo sulla Luna!

Come sempre grazie a tutti per la splendida serata … ci vediamo sulla Luna!

Comunicato Stampa – M’Illumino di Meno 2018

Il 16 febbraio del 2005, ovvero 13 anni fa, entrò in vigore il protocollo di Kyoto, accordo stipulato fra 180 Paesi del mondo nel 1997, oltre venti anni fa, accordo che serviva ad abbattere e combattere l’emissione di CO2 e l’inquinamento globale causa, secondo ormai tutta la letteratura scientifica, del “global warming” il riscaldamento globale. Da quel momento fra molti ripensamenti, Paesi che non lo rispettano e Paesi in forte ritardo nella sua attuazione, tutto il mondo è stato consapevole che qualcosa va fatto e va fatto il più presto possibile. Ad oggi l’Unione Europea è una delle poche istituzioni internazionali che sta attuando seriamente ed efficacemente delle politiche di riduzione dell’inquinamento e dell’emissioni di gas serra. La trasmissione radiofonica Caterpillar, in onore del giorno in cui è entrato in vigore il protocollo, ogni febbraio promuove la giornata del M’Illumino di Meno a cui l’Associazione Don Chisciotte partecipa da 8 anni. M’Illumino di Meno è una giornata in cui si chiede a tutti di spegnere le luci, gli elettrodomestici non necessari, ogni fonte di spreco energetico per mandare un segnale internazionale di sostegno alle politiche di attuazione del protocollo di Kyoto e per tenere alta l’attenzione su un aspetto dello sviluppo umano moderno che è fonte di preoccupazione per il futuro. Venerdì 23 Febbraio l’Associazione Don Chisciotte aderisce a questa giornata con l’abituale gruppo di ascolto per la trasmissione radiofonica di Caterpillar su Rai Radio 2 dalle ore 18.00, dedicata interamente al M’Illumino di Meno, e a seguire con il consueto Buffet a Lume di Candela organizzato dalle ore 20.00, il tutto presso la sede “Simone Angiolini” in Via Salerno 10 a Sinalunga.

L’invito è quello dell’andare a piedi oltre che dello spegnere le luci, infatti quest’anno la giornata sarà anche simbolicamente dedicata alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi, perché sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo.

Anche quest’anno cercheremo di fare qualche piccolo passo verso uno sviluppo ecologicamente sostenibile, una maggiore consapevolezza del nostro ruolo su questo pianeta e tanta voglia di cambiare il futuro. Ti aspettiamo al Buffet a Lume di Candela dopo una bella passeggiata per raggiungere la nostra Associazione!

M’Illumino di Meno 2018 – 23 Febbraio

Volantino_M'Illumino_Di_Meno_2018

Buffet a lume di candela – M’Illumino di Meno 2017

Dall’aperitivo all’ammazza caffè, tutto rigorosamente a lume di candela per aderire e festeggiare il M’Illumino di Meno 2017!!

Ci vediamo il prossimo anno … A LUME DI CANDELA!